Giacomo Puccini
  Opere
Le Villi
Edgar
Manon Lescaut
La Bohème
Tosca
Madama Butterfly
La fanciulla del West
La Rondine
Il Trittico
Il Tabarro
Suor Angelica
Gianni Schicchi
Turandot
  Festival Puccini
  Comitato nazionale
  Video
  Informazioni Turistiche
Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Valid HTML 4.01!
Valid CSS! Text Only - Solo Testo
 
GIANNI SCHICCHI (1917-1918)

Land Of PucciniLibrettista Giovacchino Forzano
Gianni Schicchi (1917-1918)

Sinopsi: Buoso Donati, un ricco fiorentino, muore. Corre voce che il defunto abbia lasciato i suoi beni ai frati , e mentre il suo corpo, ancora caldo, giace nel letto, i suoi parenti interrompono la veglia per cercare il testamento che confermerà la fondatezza delle dicerie. Girano per la casa, cercando i preziosi documenti. Il giovane Rinuccio è quello che li trova, e prima di consegnarli a sua zia Zita, le chiede il permesso di sposare la sua innamorata, Lauretta, figlia di Gianni Schicchi. Sua zia replica che se tutti riceveranno la propria eredità, potrà sposare chiunque vorrà. Il contenuto delle sue volontà confermeranno i loro sospetti: Donati ha lasciato tutto al monastero. Rinuccio suggerisce di chiedere consiglio a Schicchi, che con le sue idee brillanti aiuta sempre a sovvertire le crisi. Schicchi arriva con Lauretta, che prega suo padre di trovare un modo per aiutare la famiglia a reclamare l’eredità, in modo che lei e Rinuccio possano sposarsi. Schicchi accetta, ed escogita uno schema: fingerà di essere Donati in punto di morte, che chiama il Notaio per dettargli un nuovo testamento per lasciare le proprietà alla famiglia. I parenti sono impauriti, e si mettono in moto per preparare la scena. Il Notaio arriva, e Schicchi, ovvero Donati, detta le nuove volontà, destinando le proprietà più ambite per sé stesso! La famiglia mortificata è forzata a rimanere in silenzio, come se fossero implicati in un grande crimine. Non appena il notaio se ne va, fa seguito un oltraggio, e Schicchi caccia via la famiglia da quella che adesso è la sua casa. I giovani amanti, Lauretta e Rinuccio rimangono, sognando del loro futuro felice insieme, mentre Gianni Schicchi si volta verso il pubblico per giustificare le sue azioni e chiedere loro indulgenza.

Clicca qui per raccontarci della produzione più bella di quest’opera che tu abbia mai sentito e visto.