Giacomo Puccini
  Opere
Le Villi
Edgar
Manon Lescaut
La Bohème
Tosca
Madama Butterfly
La fanciulla del West
La Rondine
Il Trittico
Il Tabarro
Suor Angelica
Gianni Schicchi
Turandot
  Festival Puccini
  Comitato nazionale
  Video
  Informazioni Turistiche
Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Valid HTML 4.01!
Valid CSS! Text Only - Solo Testo
 
IL TRITTICO (1915 - 1918)

Il Trittico (1915-1918)

Land Of Puccini
Antefatto: l’idea originaria di Giacomo Puccini di creare tre opere di un solo atto da rappresentare insieme, era stata rifiutata da Ricordi, fin dal 1904, ritenendola una cattiva idea. Ma dopo la morte di Ricordi nel 1912, Puccini riprese di nuovo l’idea, e lavorò a tre pezzi durante la guerra, all’incirca nello stesso periodo in cui scriveva La Rondine. Dal principio, era stato affascinato da un dramma di un atto, The Cloak (Il Tabarro) di Didier Gold, in cartellone a Parigi, dove ebbe abbastanza successo da rimanere in programmazione per diversi anni. L’ambientazione è quella dei barconi ormeggiati lungo le rive della Senna agli inizi del 900.

 Puccini dapprima ingaggiò il suo amico Ferdinando Martini per scrivere il libretto per la prima delle tre opere basate sul lavoro di Gold, da intitolare Il Tabarro. Ma siccome Martini dimostrò di essere un produttore molto lento, allora Puccini cambiò idea e ingaggiò Giuseppe Adami, con cui aveva scritto La Rondine, che probabilmente stava aspettando una simile opportunità: consegnò un libretto completo al compositore, nel giro di due settimane.

 Puccini completò l’orchestrazione nel 1916. Per gli altri due libretti, ritornò a Giovacchino Forzano, un personaggio colorito che aveva avuto già molto successo in varie carriere, prima di tornare a scrivere commedie. In Forzano, Puccini trovò un librettista veloce ed intelligente, che contrariamente ad altri librettisti, non intralciava il lavoro di adattamento dei libretti dalle sue opere precedenti, come invece gli altri librettisti di Puccini avevano fatto.
Infatti, Suor Angelica venne scritta a seguito di un’idea di Forzano stesso; Puccini invece sviluppò l’idea per Gianni Schicchi, da una trama derivata dall’Inferno di Dante, poiché in quel periodo della sua vita, aveva voglia di scrivere un’opera piuttosto comica. Il lavoro su entrambe le opere avanzava rapidamente, e Puccini compose la musica con velocità ammirevole, dovuta anche all’alta qualità dei libretti di Forzano. Il Trittico non fu in grado di avere la sua prima in Italia, per via del fatto che moltissimi artisti erano coinvolti nella guerra, così Puccini organizzò di fare la prima a New York, nonostante non potesse essere presente lui stesso, per via della guerra in Europa. La prima rappresentazione avvenne al Metropolitan Opera di New York, il 14 Dicembre 1918.

Clicca qui per raccontarci della produzione più bella di quest’opera che tu abbia mai sentito e visto.